I davanzali sono uno dei punti critici di ogni casa, nel senso che se vengono installati senza le giuste accortezze possono creare dei “danni” inimmaginabili: la dispersione termica che può avvenire attraverso di essi rischierebbe di vanificare molti altri sforzi eventualmente fatti per isolare termicamente in maniera opportuna la propria casa.

Nel disegno che segue si capisce bene come un davanzale senza interruzione metta in collegamento diretto l’ambiente interno con quello esterno, e siccome solitamente il davanzale è fatto di un qualche genere di pietra, la conduzione del caldo/freddo attraverso di esso sarà elevata, vanificando lo sforzo di aver magari coibentato la cassa vuota o di aver realizzato un cappotto termico.

Davanzale

Un davanzale male isolato comporta, oltre che dispendio energetico, anche problemi di muffa, come nell’immagine di seguito riportata: un punto freddo nella casa causa il continuo formarsi di muffe sui muri, rendendo l’ambiente sporco, maleodorante ed altamente poco igienico.

Davanzale non isolato

Quali sono le soluzioni possibili?

Ce ne sono parecchie, e sono diverse a seconda di quale lavoro vogliamo eseguire a casa nostra.

Quando ho costruito casa mia ho adottato un sistema molto semplice: ho realizzato i davanzali in legno. L’uso del legno comporta la possibilità di evitare di dover eseguire il taglio termico, perché il legno è per sua natura un materiale isolante, ed anche se mette in contatto diretto ambiente interno con ambiente esterno, la trasmittanza termica data dal davanzale sarà comunque bassissima.

Sono certo che non ci saranno molte persone che seguiranno il mio esempio per via del discorso manutentivo del legno, ed allora il consiglio che do è quello di realizzare il taglio termico nel davanzale in pietra in modo tale da dare continuità all’isolamento termico realizzato nei muri.

Ma dove si deve interrompere il davanzale? Un buon punto dove realizzare l’interruzione è esattamente al di sotto del serramento, ma non sempre questo consiglio è il migliore in assoluto. Come dicevo prima dipende da quale tipo di intervento voglio realizzare a casa mia.

La regola generale allora quale deve essere? Immaginate di poter vedere il vostro muro in sezione, e tracciate una linea che passi per tutti i materiali isolanti che avete utilizzato (cappotto termico o isolamento della cassa vuota che sia). Fate in modo che questa linea passi idealmente attraverso il telaio del serramento (che di solito è realizzato con materiali isolanti: legno, PVC, alluminio a taglio termico, etc); se la linea che avete tracciato non si interrompe mai allora avete evitato le interruzioni e fatto un buon lavoro di continuità dell’isolamento.

Mi spiego meglio: nella prima immagine vedete una cassa vuota isolata ed un muro con cappotto termico; il fatto di non aver interrotto il davanzale vanifica in gran parte il lavoro fatto ed i soldi spesi per mettere l’isolante. La linea rosso risulta infatti essere interrotta, quindi non abbiamo la continuità dell’involucro termico

Nelle figure qui di seguito invece l’interruzione del davanzale è stata correttamente eseguita, ed in entrambi i casi c’è continuità dell’isolamento termico (la linea verde non si interrompe mai): in questo caso è stato fatto un buon lavoro, quello che ciascuno di noi dovrebbe fare in casa propria!

D

Se volete avere altre informazioni utili per migliorare la vostra casa e risparmiare in bolletta non esitate a contattarmi

 

A presto

Massimo, titolare TOP WOOD

 

 

 

Leave a Reply